Menu

EP&L: il conto economico ambientale

Agiamo in maniera più efficace attraverso una profonda comprensione del nostro impatto lungo la nostra supply chain

Ogni anno rendicontiamo gli impatti ambientali legati alle nostre attività, rendendoli visibili, quantificabili e comparabili.
A differenza della maggior parte delle aziende che si concentrano esclusivamente sulle proprie operazioni dirette e non sulle loro “esternalità”, altrimenti note come impatti della catena di approvvigionamento, in Gucci riteniamo che, data la crisi globale del clima e della biodiversità, sia una responsabilità dell’impresa affrontare la totalità degli impatti generati sull’ambiente.

Ciò significa che includiamo nel nostro calcolo ambientale ciascun passaggio che va dalla produzione e lavorazione delle materie prime, passando per la realizzazione dei prodotti, per arrivare ai punti vendita. Per fare questa analisi, utilizziamo uno strumento innovativo: l’Environmental Profit and Loss (EP&L), ovvero il conto economico ambientale sviluppato dalla nostra casa madre Kering.

Grazie alla metodologia EP&L riusciamo a misurare le emissioni di gas a effetto serra, l’inquinamento dell’aria e dell’acqua, il consumo di acqua, l’uso del suolo e la produzione di rifiuti nelle nostre attività aziendali e lungo l’intera catena di approvvigionamento. Quantificando il nostro uso di risorse, calcola e attribuisce poi un valore monetario agli impatti ambientali da noi generati. Per comprendere meglio il funzionamento visualizza il qui il grafico.

Lo strumento evidenzia le aree chiave a cui dare la priorità e su cui concentrare gli sforzi per mitigare gli impatti in maniera più efficace e ci aiuta nel prendere decisioni responsabili.
Questo approccio, basato su dati scientifici, ci consente di sviluppare politiche e programmi che ci permettono di affrontare i rischi e le opportunità presentati dalle sfide ambientali, e promuovere cambiamenti tangibili e positivi.

Nel 2011 Gucci ha iniziato a implementare la metodologia EP&L per monitoraggio interno. Abbiamo iniziato a pubblicare i nostri risultati annuali esternamente come parte dell’EP&L del Gruppo Kering nel 2015. Per offrire una trasparenza ancora più elevata, abbiamo lanciato una versione personalizzata della piattaforma digitale EP&L nel 2019, mettendo a disposizione del pubblico l’accesso ad informazioni mai condivise in precedenza.
La piattaforma e la metodologia EP&L sono “open source”, accessibili anche ad altre aziende, con l’intento di promuovere un cambiamento positivo verso la sostenibilità attraverso la collaborazione con aziende del nostro settore e di altri settori industriali.

Utilizzando l’EP&L come parametro di riferimento per tracciare i nostri progressi in materia di sostenibilità, abbiamo lavorato duramente per raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi di riduzione: il 40% per l’impatto ambientale totale e il 50% per le emissioni di gas serra entro il 2025 (a partire dal 2015). I progressi compiuti finora sono davvero significativi. Il nostro EP&L del 2020 ha rivelato una riduzione del 44% dell’impatto ambientale complessivo, superando il nostro obiettivo quattro anni prima del previsto. Dal 2015, abbiamo anche ottenuto una riduzione di 47% delle sole emissioni di gas serra, in relazione alla crescita. Questa tendenza positiva rivela, inoltre, un percorso di riduzione costante su base annua a partire dal 2015. Solo nel 2020, Gucci ha ottenuto una riduzione del 17% delle emissioni di gas serra e una riduzione del 9% dell’impatto ambientale totale rispetto al 2019, in relazione alla crescita.

Questi eccellenti risultati sono direttamente collegati agli sforzi che abbiamo compiuto per la promozione di azioni positive e quantificabili lungo tutta la nostra catena di approvvigionamento.

Alcuni di questi miglioramenti riguardano: l’aumento dell’uso di materie prime riciclate e fibre biologiche nelle nostre collezioni; l’uso di metalli preziosi provenienti da fonti responsabili, ad esempio il 100% di oro etico per i nostri gioielli; l’estensione dei nostri processi sostenibili e le nostre ottimizzazioni nella produzione, come il programma Gucci Scrap-less per la pelle e Gucci-Up a favore della circolarità; e, non ultimo, il nostro passaggio all’energia verde. Già nel 2019 abbiamo raggiunto il 93% di energia rinnovabile per i nostri negozi, uffici, magazzini e fabbriche, con un obiettivo del 100% entro la fine del 2022.

Per un approfondimento dei nostri risultati, vai al nostro EP&L interattivo qui.

L’EP&L DEL 2020 IN NUMERI
– Riduzione del 44% dell’impatto ambientale totale dal 2015, in relazione alla crescita
– Riduzione del 47% delle emissioni di gas serra dal 2015, in relazione alla crescita
– Riduzione del 9% dell’impatto ambientale totale e riduzione del 17% delle emissioni di gas serra, rispetto all’EP&L del 2019 e in relazione alla crescita
Qualsiasi variazione dei dati EP&L 2015-2019 rispetto a dati già pubblicati è dovuta ad aggiornamenti periodici dei coefficienti EP&L, secondo la metodologia di Kering.
EP&L A2015 A2019 A2020
Valore EP&L (milioni di €) 200.021 301.430 213.002
Ricavi (milioni di €) 3.898 9.628 7.441
Intensità EP&L (EP&L/Ricavi) 51,31 31,31 28,63
Variazione annuale (2020 – 2019) -9%
Variazione della base di riferimento (2020 – 2015) -44%
EP&L
Valore EP&L (milioni di €)
open
A2015
200.021
A2019
301.430
A2020
213.002
Ricavi (milioni di €)
open
A2015
3.898
A2019
9.628
A2020
7.441
Intensità EP&L (EP&L/Ricavi)
open
A2015
51,31
A2019
31,31
A2020
28,63
Qualsiasi variazione dei dati EP&L 2015-2019 rispetto a dati già pubblicati è dovuta ad aggiornamenti periodici dei coefficienti EP&L, secondo la metodologia di Kering.
Post simili
previous slide
01 / 03
next slide