Menu

Gucci Tribeca Documentary Fund 2020

La maggior parte dei progetti premiati sono diretti da donne ed esplorano storie e narrazioni con protagoniste donne impegnate in tematiche relative al cambiamento ambientale

In uno dei decenni più difficili della storia contemporanea, Gucci ha rinnovato il suo impegno a supporto delle arti e dell’opera di cineasti promettenti attraverso il Gucci Tribeca Documentary Fund. Per il tredicesimo anno consecutivo, il Tribeca Film Institute® (TFI) e Gucci mettono a disposizione 140.000 di dollari per il finanziamento delle opere di 11 beneficiari, che trattano in maniera approfondita questioni sociali di grande rilevanza che spaziano dal cambiamento climatico al razzismo, dalla parità di genere al terrorismo, all’immigrazione.

I documentari selezionati includono narrazioni toccanti di prigionieri nel braccio della morte in Texas, membri dello Stato Islamico detenuti in Siria e madri afroamericane in prima linea nella lotta contro la brutalità della polizia.

Dal 2008 ad oggi, il Gucci Tribeca Documentary Fund ha assegnato fondi per 1,5 milioni di dollari supportando 105 documentari lungometraggi che evidenziano e risaltano l’aspetto umano di problematiche complesse, in particolare attraverso potenti narrazioni da parte di cineaste donne.

I beneficiari di quest’anno sono stati selezionati da una giuria composta da registi affermati, leader nel settore e attivisti come De’Ara Balenger (co-fondatrice di Maestra), Mustafa Khalili (Digital Documentaries Editor, BBC), KiKi Layne (attrice di Se la strada potesse parlare) e Brett Story (regista di The Hottest August).

Di seguito maggiori informazioni sui beneficiari 2020 e sui loro film:

After Sherman
Regista: Jon Sesrie-Goff
Produttori: Blair Dorosh-Walter, Madeleine Hunt-Ehrlich, Jon Sesrie-Goff
USA
After Sherman è un racconto sull’eredità e sulla tensione che definisce la storia collettiva americana. Un’esplorazione della costa del Sud Carolina come luogo di orgoglio e trauma razziale attraverso la conservazione del patrimonio culturale della comunità afroamericana Gullah e del territorio viene violentemente interrotta.

Airbourne
Regista: Shaunak Sen
Co-produttore: Aman Mann
INDIA
La storia dell’aria apocalittica di Delhi è raccontata attraverso una figura improbabile: il nibbio bruno e i suoi intrecci umani.

Ain’t I A Woman
Regista: Sabaah Folayan
Produttori: Emily Best, Sabaah Folayan, Megan Goedewaagen
USA
La maggior parte degli americani pensa che donne e uomini godano della stessa protezione da parte della legge. La verità non è questa. Ain’t I A Woman analizza in maniera critica la storia del femminismo americano e cattura l’attuale lotta per ratificare l’Equal Rights Amendment ed elevare le donne di tutte le razze.

Black Mothers
Regista: Débora Souza Silva
Produttori: Débora Souza Silva, David Felix Sutcliffe
USA
Violenza. Indignazione. Impunità. Ripetere. Black Mothers segue il percorso di due madri impegnare a interrompere il ciclo di violenza a sfondo razzista della polizia all’interno del sistema giudiziario degli Stati Uniti. Mentre una madre indaga sull’attacco perpetrato dalla polizia locale contro suo figlio, l’altra incanala il suo dolore nell’organizzare le madri per combattere in favore della giustizia.

Driver
Regista: Nesa Azimi
Produttori: Nesa Azimi, Elise McCave, Kellen Quinn
USA
Driver segue la vita dell’autista di camion a lungo raggio Desiree Wood e della dinamica comunità di donne camioniste. Per combattere la diffusa violenza sessuale e un settore in cui le grandi aziende di trasporti multimiliardarie cospirano per rendere anonimi i singoli conducenti e relegarli a individui usa e getta, Desiree crea un gruppo improbabile di conducenti per trovare forza, solidarietà e autodeterminazione sulla strada.

Jasiri
Regista: Jasiri, Moyo e Duke
Produttori: Callie Barlow, Malla Grapengiesser, Laurence Thrush
USA
Jasiri è un documentario a girato in un braccio della morte. Jasiri, Moyo e Duke sono afroamericani e hanno scontato un totale di 55 anni di isolamento in una prigione di massima sicurezza in Texas, stato nel quale viene maggiormente applicata la pena di morte negli Stati Uniti. In questo racconto dai toni autobiografici, i tre uomini riflettono sul valore della vita umana in attesa della rispettiva data di esecuzione. Senza accesso a programmi educativi, visite di amici o parenti, telecamere, televisione o accesso al telefono, gli uomini hanno escogitato una maniera per realizzare clandestinamente questo film. Grazie a una rete di cameraman indipendenti, attivisti e registi esterni, sono stati capaci di portare la loro storia fuori dalla prigione e sugli schermi.

King Coal
Regista, Sceneggiatore: Elaine McMillion Sheldon
Produttrice: Molly Born
USA
Un saggio lirico da un paradiso perduto, intrecciato con una serie di vignette documentarie contemporanee, che esplora il modo in cui il carbone è parte integrante dell’identità e dell’esperienza umana negli Appalachi. King Coal è un promemoria visivo del perché il cambiamento avviene in maniera lenta e dolorosa.

Rojek One Day
Regista: Zaynê Akyol
Produttori: Zaynê Akyol, Audrey-Ann Dupuis-Pierre, Sylvain Corbeil
SIRIA / CANADA
Rojek One Day è una conversazione intima con alcuni tra i membri più eminenti dello Stato Islamico (IS) attualmente detenuti in Siria. Sullo sfondo, un paese che cerca di rimanere vigile mentre lotta per riprendersi da anni di conflitto.

To The End
Regista: Rachel Lears
Produttori: Robin Blotnick, Rachel Lears, Sabrina Schmidt Gordon
USA
In questo momento critico della nostra storia, interrompere la crisi climatica è una questione di coraggio politico e il tempo stringe. To the End segue le storie che si intersecano di quattro donne afroamericane, attrici chiave nell’ascesa del Green New Deal, un piano ambizioso per affrontare il cambiamento climatico e la giustizia economica e razziale nel processo. Sullo sfondo instabile delle elezioni presidenziali statunitensi del 2020, della pandemia da coronavirus, di una crisi economica sempre più profonda e di proteste storiche contro il razzismo sistemico, queste giovani leader devono lavorare insieme per difendere il diritto della loro generazione ad avere un futuro.

Untitled
Regista: Sura Mallouh
Produttori: Sura Mallouh, Yoni Golijov, Laura Poitras
USA
Due amici scoprono un conflitto che divide la loro comunità già combattuta. Raccontato dal punto di vista di tutte le parti, con un accesso senza precedenti ad aule giudiziarie, fonti anonime e leader della comunità, questo film di osservazione viene raccontato in tempo reale.

Untitled Privacy Project
Regista: Kate Stonehill
Produttore: Steven Lake
Regno Unito
Un attivista viene fermato, interrogato e perseguito come terrorista per aver rifiutato di consegnare le password del suo telefono e del suo computer portatile durante un fermo al confine.

“Il documentario è uno strumento creativo vitale che ci apre gli occhi su questioni importanti e ci aiuta a valutare il modo in cui percepiamo e comprendiamo il mondo che ci circonda”.

Susan Chokachi, Presidente e CEO di Gucci America
Esplora gli altri argomenti
Post simili
  • BE KIND

    Un progetto speciale supportato da Gucci, da sempre attivo nella sensibilizzazione verso tematiche come diversity ed inclusione
    Be_kind
  • Entra a far parte della Community Changemakers

    Una open call rivolta agli enti no-profit nel mondo per diventare partner del programma di volontariato Gucci Changemakers
  • BEYGOOD4BURUNDI

    Una collaborazione pluriennale per fornire acqua potabile ai bambini più bisognosi del Burundi
    Beygood1
previous slide
01 / 03
next slide