Menu
Persone

Women’s Forum G20 in Italia

Scopri di più su questo evento della durata di tre giorni e sui punti salienti della sessione dedicata al cambiamento climatico condotta da Antonella Centra di Gucci

MILANO – Con la pandemia, il mondo è cambiato e con esso le nostre priorità. Una giornata altrimenti plumbea è stata illuminata da un raggio di sole quando la frenetica città italiana ha ospitato il G20 Women’s Forum: una piattaforma globale che mette in risalto le voci delle donne a favore di un’economia più inclusiva e fiorente.

Tra le mura dell’università Politecnico di Milano c’era aria di vero cambiamento, non solo l’ennesimo dibattito. Durante un momento cruciale all’inizio dell’evento, Gucci, in qualità di partner principale del forum, ha firmato il “Women’s Forum CEO Champions Commitments”: un documento con dieci raccomandazioni utili per raggiungere la parità di genere e avvicinarsi al totale abbattimento del divario di genere, che verrà presentato ai leader del G20 a Roma.

“A She-covery for All” (una ripresa per tutte) è stato l’invito all’azione e il tema di questo evento della durata di tre giorni. Importanti promotori della parità di genere, società, rappresentanti governativi e istituzioni dei paesi del G20 che stanno facendo la differenza con le loro iniziative si sono riuniti nel cuore dell’Italia settentrionale per promuovere soluzioni a sostegno della parità di genere basate su business, cambiamento climatico, salute e tecnologia nei paesi del G20.

“Siete vivi?” ha chiesto Chiara Corazza, rappresentante speciale del G7 e del G20, rivolgendosi all’auditorium gremito di un pubblico eterogeneo di amministratori delegati internazionali, leader mondiali e intellettuali che hanno dato il via a stimolanti tavole rotonde.

Chiara Corazza

“Teniamo vivo il dialogo. Vogliamo che siate voi a definire il programma”, ha affermato il moderatore Nik Gowing.

E, in effetti, nell’affrontare gli argomenti più importanti dei nostri tempi, una serie di relatori di grande ispirazione ha sottolineato l’importanza di un accesso equo all’istruzione STEM, la lotta al cambiamento climatico, la tecnologia responsabile, il nesso tra clima e genere e le misure necessarie per favorire il progresso facilitando la piena partecipazione delle donne.

Sinéad Burke, portavoce per la disabilità, creatrice della serie di interviste “Extraordinary Women” e amministratrice delegata di Tilting the Lens, una società di consulenza per l’accessibilità, ha ricevuto un’accoglienza travolgente con le sue osservazioni su come le donne scarsamente rappresentate possono accedere al processo decisionale e sull’uso della tecnologia per accelerare tale processo. Sinéad Burke, membro del Global Equity Board di Gucci, ha esortato i politici a tenere in considerazione la sostenibilità sociale e le soluzioni proposte dalle comunità. “Dobbiamo inter-connetterci in modo significativo”, ha dichiarato Sinéad Burke.

Sinéad Burke

Il palcoscenico è stato dominato da una riflessione dedicata a una visione più ampia di come affrontare il cambiamento climatico e ai promotori che preservano il nostro pianeta. In primo piano vi erano protagonisti influenti come l’oratrice leader Antonella Centra, Executive Vice President di Gucci e membro del consiglio di amministrazione, che dirige la divisione Corporate Affairs and Sustainability.

Il comitato sul palcoscenico ha valutato come il cambiamento climatico abbia un effetto diverso e maggiormente negativo sulle donne a causa delle disuguaglianze preesistenti all’interno delle società di tutto il mondo. Le donne rappresentano la grande maggioranza dei rifugiati climatici e sono esposte a un rischio più elevato di mortalità dovuta al cambiamento climatico.

Oulimata Sarr, Regional Director dell’ufficio UN Women a Dakar che si occupa dell’Africa occidentale e centrale, ha offerto alcuni esempi. Circa l’80% dell’Africa è coinvolto nell’agricoltura, un settore fortemente colpito dal cambiamento climatico. Quando le donne si sposano nella regione del Senegal, anziché regalare denaro o gioielli, viene offerto loro un asino così che possano raccogliere più facilmente l’acqua potabile. Il messaggio è arrivato forte e chiaro. “Il cambiamento progressivo richiede troppo tempo, dobbiamo mettere le donne al centro e non abbiamo tempo da perdere”, ha sollecitato Oulimata Sarr.

Il comitato di relatori e Oulimata Sarr in video

Il testimone viene passato ad Antonella Centra che ha rivelato che Gucci è nettamente in anticipo sugli obiettivi di riduzione delle emissioni di anidride carbonica entro il 2030, è diventato a impatto zero sin dal 2018 e, a oggi, ha ridotto le emissioni del 47%. Centra ha identificato le migliori prassi coniando l’espressione “circolo virtuoso” per spiegare come Gucci stia dando il buon esempio, riducendo l’impatto ambientale e creando al contempo un impatto positivo attraverso l’occupazione e iniziative ecologiche come l’agricoltura rigenerativa.

Antonella Centra

La dirigente italiana a capo della visione equa e della sostenibilità del marchio ha evidenziato come le donne stanno avendo la meglio nell’arena della sostenibilità, ponendosi alla guida di molteplici ruoli prestigiosi. Centra ha dichiarato: “Si tratta di ruoli che, all’inizio, gli uomini non prendevano in considerazione. Noi ne abbiamo individuato il potenziale e ora li stiamo portando avanti. Non restituiremo questi ruoli agli uomini!”

Tutte le numerose soluzioni di questa sessione sono accomunate da un argomento, riassunto da Antonella Centra di Gucci: portare più donne al tavolo decisionale.

“La transizione ecologica rappresenta una grande opportunità per le donne. Diversamente dal passato, le donne sono già leader in molti settori. Ciò può supportare la transizione e, nell’ambito di tale cambiamento, si creeranno molteplici nuove possibilità di carriera. Il nostro obiettivo è garantire che in questa transizione vengano coinvolte ancora più donne”.

Antonella Centra EVP General Counsel, Corporate Affairs & Sustainability
Esplora gli altri argomenti
Post simili
  • Persone

    I Was a Sari

    Un'iniziativa di economia circolare per favorire l'emancipazione di donne provenienti dalle comunità svantaggiate di Mumbai
  • Persone

    Gucci e FARFETCH presentano Imagined Futures

    Valori, sostenibilità, innovazione e comunità in una collaborazione in quattro parti della durata di un anno
  • CHIME FOR CHANGE

    CHIME Through the Years: Asia

    Dare risalto alle storie di donne in Asia tratte dagli archivi della piattaforma giornalistica CHIME FOR CHANGE
previous slide
01 / 03
next slide