Menu

Filiera responsabile

Gli standard e le politiche per la catena di fornitura sottolineano la nostra Culture of Purpose

Gucci si affida a una rete selezionata di fornitori, lavorando a stretto contatto con loro per garantire che le migliori pratiche ambientali e sociali siano integrate in tutta la sua catena di fornitura.

La nostra catena di fornitura impiega migliaia di persone che lavorano indirettamente per noi nella produzione delle nostre collezioni. Sebbene non siano nostri dipendenti diretti, tutti condividono comunque la nostra cultura. Molte di queste aziende riforniscono Gucci da più di due o tre generazioni.

La nostra filiera produttiva comprende sia strutture interne di proprietà e gestite direttamente da Gucci sia strutture esterne gestite da fornitori di fiducia. Il 95% dei nostri produttori ha sede in Italia.

Tutti i nostri fornitori e subfornitori sono tenuti a rispettare i nostri Principi di Sostenibilità Gucci e il Codice Etico. Inoltre, i fornitori devono agire in conformità con la nostra dichiarazione sulla schiavitù moderna, il “Modern Slavery Statement”, e le nostre attività produttive sono monitorate in conformità con il sistema di gestione della certificazione SA8000.

In particolare, i Principi di Sostenibilità di Gucci sono un set di linee guida che comprendono la supervisione delle fonti sostenibili, la conformità legale, gli accordi collettivi e integrativi, le convenzioni internazionali e le dichiarazioni relative ai diritti umani e dei lavoratori, nonché la tutela dell’ambiente e il rispetto del benessere animale.

L’adesione a tutti i Principi di Sostenibilità Gucci è sancita nel contratto stipulato dall’azienda con ciascun fornitore. Questi principi vengono aggiornati periodicamente in conformità con i requisiti degli Standard Kering per le Materie Prime e i Processi Produttivi.

Per assicurare la conformità a questi principi e al Codice Etico, i fornitori e subfornitori Gucci (compresi i fornitori di materie prime) sono soggetti ad audit con cadenza regolare condotti da esperti Kering e team di terze parti. Se in seguito agli audit si verifica il mancato adempimento ad uno o più principi, Gucci mette a disposizione efficaci misure correttive per far fronte a tali inadempienze. Audit di follow-up sono poi realizzati per verificare che le non conformità rilevate siano state corrette.

Per aiutare i fornitori a conformarsi ai nostri Principi di Sostenibilità, organizziamo ogni anno seminari formativi per ciascuna categoria di prodotto, in modo da condividere le migliori pratiche in relazione alla nostra strategia di sostenibilità e dare un quadro degli impatti chiave in materia di sostenibilità nella filiera.

Supportare i nostri fornitori è una priorità per noi e l’empowerment delle donne nella nostra catena di fornitura è un tema importante. Per questo abbiamo aderito allo studio Sostenere il ruolo delle donne nella catena di fornitura del lusso italiana per comprendere lo status delle donne che lavorano nella filiera italiana del lusso e identificare le opportunità per sostenere la parità di genere.

Infine, i nostri fornitori devono anche allinearsi all’elenco delle sostanze chimiche soggette a restrizioni per i processi produttivi (Manufacturing Restricted Substances List o MRSL) e all’elenco delle sostanze soggette a restrizioni per i prodotti (Product Restricted Substances List o PRSL).

In collaborazione con la Camera Nazionale della Moda Italiana (CNMI), abbiamo sviluppato le “Linee guida sui requisiti eco-tossicologici per gli articoli di abbigliamento, pelletteria, calzature e accessori”.

Esplora gli altri argomenti
Post simili
previous slide
01 / 03
next slide