Materiali di origine animale

Pelle

Garantire il benessere degli animali significa sostenere pratiche etiche di trattamento per quanto riguarda l’allevamento, il trasporto, la gestione e la macellazione.

Il gruppo Kering ha stabilito standard specifici che regolano l’acquisizione e la produzione di pellami lungo tutta la nostra catena di fornitura.

Gli Standard si basano sul rispetto delle regole fondamentali stilate dalla World Organization for Animal Health (OIE), in particolare sulle Cinque Libertà fondamentali degli animali:

– libertà dalla fame, dalla sete o dalla malnutrizione;
– libertà dalla paura e dal disagio;
– libertà di avere un ambiente fisico adeguato;
– libertà dal dolore, dalle ferite e dalle malattie;
– libertà di manifestare le caratteristiche comportamentali normali legate alla specie animale.

Lavoriamo costantemente per sviluppare nuovi processi di concia che eliminino l’uso di metalli pesanti (concia “metal-free”) per ridurre l’impronta ambientale e l’impatto tossicologico a livello globale. Nel 2015 la pelle metal-free è stata impiegata nella realizzazione di tre borse e tre portafogli iconici del brand.

Da quel momento abbiamo iniziato ad incrementare la produzione passando dallo 0,2% di pelle metal-free della produzione totale (nel 2015) ad un 13% per l’anno 2018 per vari articoli di pelletteria e calzature.

Abbiamo inoltre sviluppato una guida sui processi conciari che sarà pubblicata quest’anno e che illustrerà le migliori pratiche da attuare nel processo di concia a livello industriale.

La guida tratta i seguenti argomenti:

– eliminazione di prodotti chimici pericolosi usati nel processo di concia;

– riduzione e/o riutilizzo di sottoprodotti e materiali di scarto provenienti dalla produzione e dalla concia;

– riduzione del consumo idrico e/o ottimizzazione della gestione di acque reflue;

– riduzione del consumo energetico e delle emissioni.

Gucci ha preso un impegno con l’ambiente e non intende tirarsi indietro. Le nostre pelli, ad esempio, non provengono da allevamenti o fattorie responsabili di deforestazioni.

Nel 2018, abbiamo affinato la raccolta dati periodica – effettuata per ogni lotto di pelle utilizzata per pelletteria e calzature – raggiungendo il 99% di pelle tracciata fino al luogo del macello.

A conferma dei dati raccolti, nel 2018 abbiamo svolto i primi audit sulla tracciabilità con il supporto di ICEC, l’Istituto di Certificazione specializzato per il settore pelle.

Cashmere Innovativo

In Gucci siamo consapevoli dei limiti dettati dal pianeta. Documentando scrupolosamente l’uso e l’impatto delle nostre risorse, siamo in grado di agire di conseguenza in maniera consapevole. Quando ad esempio ci troviamo davanti a risorse particolarmente in pericolo a livello ecologico, scegliamo di impiegare risorse alternative.

Il nostro investimento e la nostra conoscenza in termini di materiali e procedure a basso impatto ambientale dimostrano che cambiare è possibile. Un esempio? Il cashmere. L’impronta ecologica del cashmere è andata via via peggiorando nel tempo. L’aumento dei pascoli e i cambiamenti climatici hanno trasformato aree della Mongolia, un tempo caratterizzate da pascoli sostenibili per le capre da cashmere, in un territorio arido. Il gruppo Kering ha intrapreso un’azione decisiva per frenare la degradazione di questo ecosistema includendo il cashmere tra i suoi Standard per le materie prime.

Tali standard non identificano soltanto il problema, ma contribuiscono anche a identificare programmi di recupero, sostenendo la ricerca in campo ecologico per il ripristino dei pascoli e per una produzione sostenibile di cashmere. Con il fine di ridurre l’impatto generato dall’utilizzo di alcune fibre più a rischio abbiamo introdotto alternative sostenibili, create attraverso metodi di produzione innovativi in linea con i principi dell’Economia Circolare (secondo cui nessun materiale viene considerato un rifiuto, ma rientra in un ciclo inesauribile di uso, raccolta e reingegnerizzazione).

Nel 2015 Gucci ha scelto Re.Verso™ per le sue collezioni ready-to-wear. Re.Verso™, grande innovazione nel settore del cashmere rigenerato, ha ideato un modo per trasformare gli scarti di produzione tessile in pregiata lana totalmente tracciabile, di alta qualità e 100% Made in Italy.

Se si paragona alla produzione della lana convenzionale, questo metodo consente di risparmiare molte risorse, tra cui una riduzione dell’82% del consumo di energia, un 92% di consumo idrico e un 97% di produzione di CO2. Buone notizie per il pianeta!

Analizzando l’utilizzo di cashmere rigenerato in termini di impatto EP&L (Environmental Profit & Loss), si ottiene un risparmio del 60%.

Consulta il grafico per comprendere meglio il funzionamento del bilancio EP&L.

Scarica l‘App My EP&L se desideri saperne di più o scoprire come rendere più sostenibile il tuo guardaroba.

Cashmere Sostenibile

Gucci ha intenzione di aumentare la quantità di cashmere Re.Verso™ presente nei suoi prodotti. Nel frattempo acquista anche cashmere di altissima qualità da un fornitore della Mongolia.

I principi che costituiscono gli Standard Kering per il cashmere includono:

– massimizzare la sostenibilità ecologica, sostenendo una produzione di cashmere che non danneggi gli ecosistemi naturali, ma che protegga e ripristini il suolo, la flora e la fauna;

– assicurare standard ottimali di benessere animale;

– assicurare vantaggi sociali e culturali e garantire mezzi di sussistenza per le comunità locali.

Lana

La fibra di lana merino ZQ è sostenuta da un programma di accreditamento agricolo, lanciato in Nuova Zelanda, che verifica gli standard più elevati a livello di pratiche e qualità.

Gli allevatori di pecore che producono lana merino ZQ lavorano rispettando alti standard per garantire il benessere animale e una corretta gestione della sostenibilità ambientale e sociale. Il programma merino ZQ vieta la pratica del mulesing.

Di seguito sono riportati alcuni dei principi che regolano gli Standard Kering della lana:

– massimizzare la sostenibilità ecologica sostenendo una produzione che non danneggi gli ecosistemi naturali;

– assicurare elevati standard di benessere animale;

– assicurare elevati standard per quanto riguarda la manodopera e le condizioni di lavoro.

Nel 2018 abbiamo acquistato circa il 4% di lana certificata GOTS o ZQ.

Seta

Abbiamo adottato l’utilizzo di seta biologica per la realizzazione di tutti i nostri accessori. Dall’inizio della stagione Autunno/Inverno 2018, tutti i foulard Gucci sono realizzati con seta certificata GOTS (Global Organic Textile Standard – Standard Globali relativi ai tessuti biologici). Il GOTS è uno standard indipendente riconosciuto a livello mondiale che certifica i prodotti tessili realizzati con fibre naturali da agricoltura biologica.

Grazie a questa certificazione, possiamo esser certi che durante tutto il processo, dalla produzione della fibra di seta alla realizzazione del tessuto finito, non siano stati impiegati pesticidi, insetticidi o elementi chimici pericolosi.

Nel 2018 circa il 10% della seta utilizzata è certificata GOTS, registrando un incremento significativo rispetto all’1% del 2017.