Fibre di cellulosa/vegetali

Negli ultimi quattro anni abbiamo quadruplicato la quantità di cotone ottenuto grazie a iniziative come GOTS (Global Organic Textile Standard), volte a rendere la fibra più sostenibile.

Nell’ultimo anno abbiamo raddoppiato la quantità di cotone organico utilizzato passando dal 13% al 21%. Abbiamo acquistato circa 269 tonnellate di cotone certificato GOTS, quantità che corrisponde all’incirca al peso di due balenottere azzurre.

Attualmente il cotone certificato è impiegato nelle nostre collezioni uomo e bambino, un passo importante se si considerano i principi illustrati dalla metodologia EP&L. L’analisi EP&L mostra che il cotone biologico ha un impatto inferiore dell’80% rispetto a quello convenzionale.

Di seguito sono riportati alcuni dei principi che regolano gli Standard Kering del cotone:

– assicurare standard elevati delle condizioni di lavoro e manodopera per gli agricoltori;

– ridurre l’impatto di prodotti chimici sintetici sull’ambiente e sulla salute;

– utilizzare l’acqua in maniera responsabile ed efficiente;

– ripristinare la biodiversità del suolo ed evitare di danneggiare gli ecosistemi naturali.

Viscosa

Per essere certi di trarre un vero beneficio dall’uso di materiali quali la viscosa occorre verificare che l’acquisizione di tali fibre non causi deforestazione o danni all’ambiente. Il nostro obiettivo è fare scelte che si rivelino giuste tanto per l’oggi quanto per il domani, nel pieno rispetto dello spirito di Equilibrium.

Per questo motivo abbiamo come preannunciato abbiamo messo in atto azioni di miglioramento per l’approvvigionamento responsabile della viscosa nei nostri prodotti, in linea anche con l’aggiornamento degli Standard Kering emessi nel 2019 sulle fibre cellulosiche.

Con lo scopo di assicurare l’approvvigionamento di legno da foreste gestite in maniera responsabile e ridurre al minimo le sostanze chimiche pericolose utilizzate durante la produzione della fibra, Gucci si propone di tracciare tutta la filiera secondo i seguenti principi fondamentali:

  • Controllare che la cellulosa provenga da legname controllato secondo la certificazione FSC (Forest Stewardship Council) e che i fornitori soddisfino i requisiti del Canopy-Style Audit;
  • Acquistare la fibra solo da produttori che utilizzano un sistema di gestione delle sostanze chimiche a “ciclo chiuso”, ovvero che le sostanze chimiche vengano riutilizzate all’interno del ciclo industriale senza essere disperse e senza danneggiare l’ambiente e le persone.

Gucci continua a lavorare per rispondere ai requisiti di sostenibilità della filiera della viscosa. Già nel 2018, circa il 62% di viscosa derivante da polpa di legno, utilizzata per l’abbigliamento e gli accessori, proviene da fornitori che sono verificati secondo la metodologia Canopy style e che si approvvigiono da foreste gestite in maniera sostenibile (FSC, FSC Controlled Wood e PFEC).